Bentornati, amici rondoni!

Come molti dei miei cari lettori sanno questo blog celebra spesso la natura e la bellezza e segue così l’avvicendarsi delle stagioni.
Come ogni anno ultimamente qui sono arrivati i rondoni e a loro non posso che dare il mio benvenuto, queste creature del cielo con il loro canto gioioso sono un inno spontaneo alla vita e ai suoi misteri.
Benvenuti, amici rondoni che volteggiate nel cielo di Genova.

Come si dice? Tutto arriva a chi sa aspettare!
E infatti in questo periodo, all’inizio del giorno, mi basta uscire sul terrazzo per ammirare il volo dei rondoni che sfrecciano felici nell’azzurro.

Molti di questi rondoni abitano sotto il tetto della casa di fronte, sono vicini rumorosi e ciarlieri ma a loro si perdona pure che ti risveglino mentre stai dormendo!

E poi si resta ad ammirarli nelle loro evoluzioni nel cielo limpido.

Tutto rinasce, tutto si rinnova e si ripete, nel ritmo e negli equilibri perfetti dell’universo.

Così, con gratitudine e immutato stupore, accogliamo il ritorno di queste magnifiche creature di Dio.
Bentornati, amici rondoni!

Cose di Canneto il Lungo

A volte poi, in primavera, per le strade della città c’è una luce nuova.
Come una lievità di vento e di chiarore intenso nel cielo e nelle case che così delimitano l’azzurro, in quel tratto di Canneto il Lungo che da Salita Pollaiuoli conduce verso Vico dei Notari.
E questi sono i colori caldi della città vecchia, una di quelle prospettive amatissime di Genova.

Più in giù, nel tratto che scende verso il mare, certe figure attente sempre vegliano sul coloro che percorrono Canneto.
Hanno grazia, bellezza, i loro sguardi vengono da lontano e sono proiettati al di là del tempo.

E il sole filtra, cade tra le case, illumina la vertigine di questi palazzi.

Sul civico 37 poi, si legge un’antica iscrizione.
Queste parole sono tratte dalla Bibbia e precisamente dal Salmo 85 e significano: la giustizia e la pace si baciano.
Anche semplicemente passeggiando si finisce sempre per trovare qualche spunto di riflessione.

Mentre il sole gioca ancora, mette in fuga l’ombra e abbraccia le antiche case della Superba.

E sopra i tetti e sopra le ardesie passa qualche nuvola leggera ma sempre e ancora trionfa l’azzurro sopra le cose di Canneto il Lungo.

Uno di quei giorni di marzo

It was one of those March days when the sun shines hot and the wind blows cold: when it is summer in the light, and winter in the shade.

Era uno di quei giorni di marzo in cui il sole splende caldo e il vento soffia freddo: quando è estate nella luce e inverno nell’ombra.

Charles Dickens – Great expectations


Via di Ravecca

Una luce all’orizzonte

Una sera d’inverno, in Piazza di Oregina.
Le nuvole inquiete passano in cielo, l’azzurro si attenua di pallidi toni pastello e si confonde con certe pennellate di rosa.
Il sole arde sempre glorioso e potente e disegna i contorni delle case, delinea i profili dei tetti, abbaglia e illumina mentre piano saluta il giorno.
E luccica il mare e brilla, lontana, una luce all’orizzonte.

Finestre e geometrie di Genova

E queste sono finestre e geometrie di Genova e piccole felci e piantine nei vasetti, sul davanzale, tra le persiane che si affacciano su una creuza.

E poi una facciata color mattone e una ringhiera che sa farsi panciuta e divenire accogliente riparo.

Finestre, persiane verdi come boschi fitti di foglie e cuscini rossi stesi e rami di alberi spogli che si specchiano nel vetro.

Ombre di caruggi e fili da stendere, luci accese e vite che puoi immaginare.

E ancora, tendine bianche, stanze nascoste, musiche che non puoi sentire e ciclamini in boccio.

E una finestra che non crederesti vera, nella città vecchia, il disegno di una curva in un palazzo da una lunga storia.

E riflessi, nuvole fluttanti nell’azzurro, finestre sotto il cielo di Genova, in un gioco di magnifiche geometrie.

Cose di Salita dell’Oro

E sono cose di Salita dell’Oro, un caruggetto breve che unisce Via Cairoli a Via Lomellini.
Già c’è quella poesia lì, la poesia dei nomi di certe vie di Genova, qui in pochi metri troverete il Vico dell’Argento e il Vico del Piombo.
Metalli e caruggi e la bellezza di questi palazzi che ritrovano nuovo splendore dopo certi restauri.
C’è tanta vera Genova in questi vicoletti e nella vertigine assoluta di questi edifici.

Un caruggio che così si perde in una prospettiva autenticamente genovese semplice, antica, in ombra ma a volte improvvisamente inondata dal sole.
Persiane gialle e verdi, un’armonia di colori e sfumature.

E luce e e aria frizzante e azzurro intenso della Superba.

Una corda, i panni stesi, note pastello e toni caldi: sono cose di Salita dell’Oro, una di quelle sinfonie genovesi che ti fanno innamorare della Superba.

Le magie delle nuvole di novembre

Questa è la stagione del tempo mutevole, delle serate più brevi, delle variazioni rapide e improvvise, degli incanti da cogliere nel labile spazio di qualche attimo che poi svanisce.
E l’altro giorno sull’orizzonte si stagliava una nuvola leggera e soffice, armoniosa come una bella musica e lieve come una trina delicata.

E poi, tutto ad un tratto, la nuvola aggraziata ha preso a trasformarsi e nell’azzurro genovese è apparso un minaccioso dragone.
Io non sono tanto incline a vedere forme immaginarie nelle nuvole ma in questo caso, oh, era evidentissimo!

Il grande dragone sovrastava così il porto della Superba.

E là è rimasto, sembrava quasi che avanzasse facendosi sempre più temibile.

Poi, tutto è bene ciò che finisce bene, si dice così, no?
E infatti lentamente si è dissolto svanendo nel nulla e dopo qualche tempo altra leggerezza ha preso il suo posto in cielo.

E poi ancora è scesa la sera e l’azzurro si è coperto di nubi così trafitte dai raggi del sole.

Una bellezza d’autunno, di grigio e celeste e di evanescente argento.

Sono le magie delle nuvole di novembre, tra cielo e mare, in una sera di Genova.

Sfumature e panni stesi al Carmine

E poi semplicemente sfumature e panni stesi al Carmine, scendendo da Salita di Carbonara, come sempre faccio durante le mie passeggiate.
E c’è un tricolore e poi corde tese davanti alle persiane, tetti, ardesie e sole.

E luce, magliette dalle tinte vivaci e asciugamani messi ad asciugare.

E poi non si sa come accada eppure spesso i panni stesi sono in armonia con i colori delle facciate e così , ancora scendendo. ho trovato toni di pesca e di albicocca.

E vento che sollevava i lenzuoli contro il cielo turchese.

E rosso e appena una brezza leggera.

E ancora rosa, un solo asciugamano dal colore delicato così steso sotto l’archetto.

L’edicola sulla Piazza del Carmine, le persiane spalancate, il profumo del pane e della focaccia, la semplicità della bellezza della vita.

E i vasi e le piante nell’accogliente Piazza della Giuggiola, i capi leggeri di questo scorcio d’estate al sole ad asciugare.
Sono le belle sfumature e i panni stesi al Carmine, un luogo che è sempre nel mio cuore.

E ti ritrovo così

E ti ritrovo così, con la tua aria calda di settembre, il cielo che sfuma dal celeste al rosa.
E mentre le finestre delle case si illuminano una dopo l’altra, io ancora ti ritrovo con il tuo porto luccicante di luci, le navi, i traghetti delle vacanze: si parte e poi si ritorna, ancora su questa riva.
E ti ritrovo così e ti guardo dal mio terrazzo e aspetto la sera che scende e so che ancora è tempo di maniche corte e di abiti leggeri, in questo scorcio d’estate genovese.
E ti ritrovo così: brilla la Lanterna, tranquillo è il mare e magnifica sei tu, mia amata Genova.

Il cielo sopra Salita della Rondinella

Accadde in un giorno di sole, un giorno che mi ha regalato una felice e fortunata circostanza.
Scendevo a piedi da Castelletto e dopo aver percorso una delle mie creuze andavo verso Piazza della Meridiana e ad un tratto ho veduto aperto il cancello che protegge Salita della Rondinella.
Che emozione ritrovarsi con un ritaglio di cielo genovese ancora da scoprire!
E provare quella sensazione straordinaria al pensiero di poter cogliere ancora una parte dell’anima di questa città tanto bella e complicata.
Il cielo turchese così sovrasta Salita della Rondinella e le sue sinfonie di candido bucato.

Mentre il sole batte sulla mattonata e scende giù, in questa vertigine magnifica.

Tra le case, una bellezza di finestre e terrazzini e uno stupore di Genova così nascosto e meraviglioso.

Quel cielo è una magia di blu, di aria fresca di mare, di luce intensa delle Superba, così lo si ammira in certi luoghi antichi e impervi che conservano ancora una certa bellezza.

È il cielo di Genova, il cielo come l’ho veduto su Salita della Rondinella.