Chiesa di Santa Maria della Cella: la Madonna del Rosario di Tomaso Orsolino

Per ammirarla dovrete recarvi nella bella e antica Chiesa di Santa Maria della Cella a Sampierdarena, un edificio religioso che ospita molte magnifiche opere tra le quali anche la Madonna dell’Olivo di Nicolò Barabino.
Nella Cappella del Santo Rosario è così collocata la splendida statua della Vergine scolpita da Tomaso Orsolino, valentissimo artista vissuto nel ‘600.

La sua Madonna del Rosario è un capolavoro di grazia e armonia, il marmo restituisce la dolcezza dell’amore materno.

Nella ricca e grandiosa Chiesa di Santa Maria della Cella.

La Cappella è sontuosa e molto finemente decorata, ai lati della statua si trovano due tele nelle quali sono ritratti San Domenico e Santa Caterina da Siena.

E Maria si erge nella sua ineguagliabile grazia, la sua figura è dolcemente eterea.
Ai piedi di Lei si nota la seguente iscrizione in latino “qui me invenerit inveniet vitam” che è tratta dal Libro dei proverbi della Bibbia e significa “chi trova me trova la vita”.
E dalla legenda che è posta accanto al dipinto si apprende che nella corona della nicchia che ospita la statua sono inserite 15 tavole con i Misteri del Rosario opera di Domenico Fiasella.

Uno splendore di oro sovrasta la statua, nella volta si ammirano le Scene della vita di Maria, magnifici affreschi opera di Bernardo Castello.

La Madonna del Rosario si staglia nel suo candore stringendo a sé il suo Bambino, con la sua bellezza così risplende nella mistica quiete della Chiesa di Santa Maria della Cella.