Charlotte Corday, una ragazza di provincia

Una ragazza di provincia.
La prima volta che sentii parlare di lei ero giovane, andavo a scuola, ma ciò che si apprende sui banchi del liceo difficilmente rimane impresso.
Che noia la storia! Che noia studiare a memoria le date, i nomi, gli eventi.
E poi venne il 1989, anno del bicentenario della Rivoluzione Francese.
Era luglio, ero al mare.
In televisione, una volta a settimana, davano dei film di produzione francese dedicati ai personaggi salienti di quel periodo storico, forse qualcuno di voi li ricorda?
Io rinunciavo ad uscire per vederli e ho sempre atteso che li riproponessero, ma purtroppo non è mai accaduto.
Fu allora che Charlotte Corday ebbe un volto, un carattere, una fisionomia che non avrei mai dimenticato.
Marie-Charlotte Corday d’Armont, una ragazza di provincia, abitava a Caen con la zia.
E proprio lì, il 7 luglio del 1793, si riuniscono i girondini.
Si tiene una parata militare, con la speranza che molti aderiscano alla causa che ha lo scopo di scalzare dal potere i giacobini, ma non sarà così, il numero dei volontari è decisamente esiguo.
E su quell’erba, ad ascoltare parole infuocate di furore, c’è anche lei, Charlotte.
Ha appena 25 anni, è una bionda bellezza piena di grazia ma la vita è già stata dura con lei, la madre le è mancata in tenera età, il padre è poco attento alla cura dei figli.
A 13 anni Charlotte è entrata nel convento dell’Abbaye-aux-Dames, la ragazza ama i libri, tra i suoi antenati si annovera persino un nome illustre, il drammaturgo Pierre Corneille.
Lei legge Plutarco, Rousseau, i filosofi del suo tempo.
E lì, su quel prato di Caen, Charlotte si convince della sua missione, liberare la Francia da Marat, medico,  giornalista e rivoluzionario, colui che lei considera il nemico della pace.
Il 9 luglio, dopo aver donato ai suoi amici i suoi cari libri, Charlotte lascia la sua Normandia e parte con la diligenza alla volta di Parigi.
Soggiorna in un albergo, nelle vicinanze di Rue des Victories.
Parigi, Parigi in quei giorni è tutta un fermento e in quel 13 luglio, vigilia delle celebrazioni della presa della Bastiglia, la città è decorata con nastri tricolori.


E nella fiumana di gente che affolla la capitale francese c’è anche la piccola normanna, la temeraria Charlotte che ha ben chiaro il suo progetto.
Entra in un negozio di ferramenta e acquista un coltello da cucina con una lama molto affilata.
Vuole uccidere Marat durante una seduta della Convenzione, vuole che il suo gesto sia pubblico ed eclatante.
Ma lui, il suo nemico, giace a casa malato.
Marat soffre di una malattia della pelle resa ancor più grave dal caldo persistente dell’estate, i bagni di acqua fredda sono il suo solo conforto.
Charlotte Corday non si arrende, sa bene che Marat è pronto ad accogliere nella sua casa chiunque intenda fare rivelazioni su persone da denunciare.
E così si reca al numero 20 Rue de Cordelier, dove al primo piano vive Marat.
Charlotte sale le scale, ma viene fermata dalla sorella del suo nemico che le fa sapere che Marat è troppo debilitato per riceverla.
Lei gli scrive una lettera, gli dice che ha importanti comunicazioni da dargli, attende una risposta che mai arriverà, in quanto Charlotte ha dimenticato di lasciare il suo indirizzo.
A sera la ragazza torna davanti a quel palazzo e riesce ad arrivare al cospetto di Marat.
Lui è adagiato nella vasca da bagno, la fanciulla gli siede accanto e snocciola una lista di nomi, Marat le comunica che per questi traditori è pronta la ghigliottina.
Non sa che per lui la fine è vicina: la ragazza di provincia, avvolta nel suo scialletto di seta, estrae dal petto il coltello e con un fendente sotto la clavicola lo colpisce a morte.
L’urlo di Marat squarcia Parigi, accorre la fidanzata di lui, un vicino di casa esperto di arti mediche tenta inutilmente di prestargli soccorso.
E poi le guardie, gli amici di lui e Charlotte, calma e imperturbabile, che non intende sottrarsi al proprio destino, ha persino indosso i documenti, la identificano e la arrestano.
E mentre la conducono nel carcere dell’Abbaye, una folla di parigini chiede che sia vendicata la fine di Marat.
La condannano a morte e la trasferiscono alla Conciergierie.
Scrive due lettere di addio, una delle quali è indirizzata al padre e chiede, come ultimo desiderio, di poter essere ritratta dal pittore Jean-Jacques Hauer.
Durante il processo a Charlotte, il pittore era in aula e lei aveva notato quell’uomo chino sui suoi fogli, intento a tracciare i suoi lineamenti.
Qui trovate l’immagine di quel quadro, nel quale si può notare il volto quieto di Charlotte Corday.
Colui che lei uccise, invece, venne ritratto in quella vasca nella quale trovò la morte in un’opera universalmente nota del pittore Jacques-Louis David, qui potete ammirare quel quadro.
E non so cosa sia per voi Parigi, per me nelle sue strade si respira ancora l’aria della Rivoluzione, si può camminare lungo quei viali e credere di vedere con i propri occhi ciò che un tempo accadde.
E si può andare a quel 19 luglio del 1793, in quella cella buia della Conciergerie.
E’ quasi sera, Charlotte è in posa per il suo ritratto.
Non c’è più tempo, entrano le guardie che la condurranno sul patibolo.
Lei prende le forbici e taglia una ciocca dei suoi capelli biondi per donarla al pittore.
Come si usava a quel tempo, le fanno indossare una cappa rossa e la mettono sul carretto che la porterà al luogo della sua morte.
Lei rifiuta i conforti religiosi e non chiede di sedersi, rimane ritta in piedi, orgogliosa nel suo manto scarlatto.
E il corteo parte, per le strade di Parigi, attraversa il Pont Neuf e la Rue Sant-Honoré, dove una folla rabbiosa attende che lei sia giustiziata.
E i nuvoloni grigi che sovrastano la città riversano sulle strade uno di quei temporali forti ed improvvisi, come spesso accade nelle estati parigine.
E Charlotte è lì, in piedi sul carretto, con i vestiti inzuppati e le gocce di pioggia che le scendono sulla pelle.
E il sole torna a baciare Parigi, mentre tra la folla che trepida per assistere all’esecuzione si riconoscono volti noti, tra loro ci sono Danton e Robespierre.
La testa di Charlotte Corday cade sotto il colpo del boia, un suo aiutante la raccoglie e in un gesto estremo di spregio la schiaffeggia suscitando non poco orrore tra gli astanti.
Ma non è questa l’immagine di Charlotte Corday che desterà più impressione.
A lasciare una traccia è la sua calma, la sua tranquilla e orgogliosa compostezza, il suo coraggio, così reale e percepibile.
Il coraggio di Mademoisselle Marie-Charlotte Corday d’Armont, una ragazza di provincia.

37 pensieri su “Charlotte Corday, una ragazza di provincia

  1. Buongiorno cara.
    Grazie per questa lezione di storia (adoro la storia), sapevo già tutto questo, ma tu ce l hai raccontato ricco di dettagli ed affascinante, ora ho le idee più chiare! ;o))
    Un abbraccio e buona domenica, *Maristella*.

  2. Mi ripeto, ma il ripasso di storia con te sarebbe affascinante per qualsiasi adolescente… Nel mio immaginario gli aggettivi con cui descrivi Charlotte sarebbero perfetti anche per te… Calma, tranquilla, orgogliosamente composta e coraggiosa! Buona domenica!

    • Grazie Viviana, chissà se davvero i ragazzini si divertirebbero a ripassare in questa maniera.
      E sono onorata del paragone, però io non sono tanto calma e tranquilla, sai?
      Forse coraggiosa certe volte sì!
      Un bacione!

  3. Ho potuto ammirare questo momento al museo delle cere Grèvin di Parigi, essendoci, come sai, andata poco tempo fa. E anche sottoforma di statua, la sua aria è serena. Sorpresa nell’essere stata scoperta dall’altra signora, si ritrae appena, ma la sua espressione in viso è serena. Hai ragione Miss, ci sono luoghi in cui, l’aria della rivoluzione e della giustizia si respira ancora. Bellissimo post. Un bacione.

  4. Cara Miss, proprio non avevo associato l’omicida di Marat a questa figura femminile. Sono di un’ignoranza abissale ma per fortuna ci sei tu a ricordarmelo! Mi piace quando tiri fuori dal tuo cappello da prestigiatore queste donne “Pasionarie”, non è la prima volta che lo fai e riesci sempre a catturarmi!
    Un baciotto in questa domenica ventosa e troppo caliente
    Susanna

  5. Questo personaggio mi lascia perplessa, sono andata anche su wikipedia per leggere di più, però non riesco ad ammirarla per il suo gesto. Forse all’epoca serviva, non so, ma non ci trovo niente di coraggioso nell’uccidere un uomo, chiunque esso sia.

    • Beh, da un punto di vista morale ti dò ragione, sai.
      Ma penso a una ragazza che parte, alla fine del ‘700, dalla provincia per compiere un’impresa, per la quale poi passerà alla storia.
      E penso ai miei 25 anni, vissuti molto tempo dopo.

  6. Articolo molto bello, la storia mi ha sempre affascinato, sai se in Francia esiste qualche targa o monumento in suo ricordo ?
    Eugenio

  7. è un quadro che porto dentro di me da quando avevo quattordici-quindici anni. E su Charlotte Corday ho sempre avuto sentimenti contrastanti: “troppo facile uccidere un malato mentre è nella vasca da bagno” ho pensato la prima volta. Ma per valutare bene il suo gesto occorre entrare nella storia di allora, conoscere bene Marat e tutta la conbriccola.

    • Non ho mai pensato a quella frase, facile uccidere un malato nella vasca.
      E per quanto, ovviamente, il suo sia un gesto da condannare, credo come te che vada appunto visto nel contesto del suo tempo.

  8. Hai tratteggiato un’altra splendida figura femminile arricchendo la tua collezione già molto nutrita, non so a che punto fosse però 2 anni fa quando ancora non avevo avuto il piacere di conoscerti! 😉 Bella e coinvolgente l’immagine di Charlotte che ne è scaturita! ❤

  9. Persino ripercorrere gli orrori della Rivoluzione francese,a proposito domani è l’anniversario del gran giorno in cui tutto cominciò ,riesce interessante e quasi ci fa simpatizzare per questi personaggi,ognuno dei quali era un assassino forse nobilitato da superiori ragioni ideologiche,ma sempre un feroce assassino ,vissuto in un periodo tra i più barbari della storia. Grazie a lei anche Charlotte diventa una figura nobile oltreche’ famosissima fin dalla nostra adolescenza.

    • Cara Nicla, Charlotte Corday è una delle figura che più mi colpisce tra le donne di quel tragico periodo, lessi la sua storia da ragazzina e da allora è rimasta in un posto particolare della mia memoria.
      Grazie davvero delle belle parole, mi fanno davvero piacere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.