Basilica di Santa Maria delle Vigne: l’Epifania di Santo Tagliafichi

Vi porto ancora in una bella e antica chiesa di Genova che si trova nel cuore dei nostri caruggi: la Basilica di Santa Maria delle Vigne è molto amata dai genovesi.
E percorrendo la navata destra raggiungerete la magnificente Cappella di Nostra Signora delle Vigne, sulla parete destra di questa cappella è collocato il dipinto che desidero mostrarvi: l’Epifania di Santo Tagliafichi risalente al 1819.

L’opera spicca per le tinte vivaci e per il manto ceruleo della Madonna, un raggio di luce scende glorioso dal cielo e illumina il piccolo Gesù  attorno al quale sono collocate le figure in questa disposizione armoniosa.

La Cappella è riccamente decorata e ogni volta che mi trovo in questa chiesa mi soffermo ad ammirarne i molto meravigliosi dettagli.

Nel dipinto di Tagliafichi mi colpisce poi la grazia fanciullesca della Madonna raffigurata dall’artista come una dolce ragazzina dai tratti eterei e delicati che con un mano regge il lembo del lenzuolo che così accoglie il piccolo Gesù.

E al cospetto del Figlio di Dio ecco i Re Magi che recano in dono l’oro, l’incenso e la mirra.
Sui loro volti si coglie una sorta meravigliato stupore, nei loro gesti si ritrova una certa ricercata teatralità che a mio personale parere crea un senso di vitalità e movimento nella totalità del dipinto.

Se entrerete nella Basilica delle Vigne cercate quest’opera magnifica: questa è la dolce Epifania di Santo Tagliafichi.

10 pensieri su “Basilica di Santa Maria delle Vigne: l’Epifania di Santo Tagliafichi

  1. Grazie cara Miss! Sai? non avevo mai notato questo dipinto, nonostante le mie svariate visite alla più bella e affascinante chiesa di Genova. Un bacio, raf

  2. Miss, bravo questo Tagliafichi… un volto di Maria davvero stupendo, per la dolcezza materna che è riuscito a fargli esprimere…

  3. Quanta bellezza! Bellezza grande da cui ci si sente circondati e protetti, bellezza di particolari che commuovono, bellezza dono di questo giorno di festa. Bellezza delle tue foto e delle tue parole.

  4. Sai Dear Miss,dai colori e dalle sfumature del pennello nonchè dalla dinamica delle figure dei volti dei mantelli leggiadri,vi trovo um pò di Caravaggio (ma è solo una mia impressione però).I personaggisembrano conservare lo stupore della nascita di Gesù.Che colori! Grazie Dear che ci aiuti con le tue imbeccate a gustare l’arte sacra.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.