Santuario della Madonnetta: la Pietà di Maragliano

Tra le molte opere che potete ammirare al Santuario della Madonnetta una vi colpirà per le emozioni che sa suscitare e per la sua particolare bellezza.
Ha uno spazio interamente a lei dedicato e rifulge così nella luce splendente La Pietà, magnifica scultura lignea di Anton Maria Maragliano, raffinato artista genovese vissuto tra la fine del ‘600 e la prima metà del ‘700.
Tra i principali esponenti del barocco, Maragliano ha lasciato in molte chiese della Liguria la traccia del suo talento che noi leggiamo in quei volti effigiati con maestria nel semplice legno.
La presente opera risale al 1732-33, è drammatica e tragica la figura di Maria così sconsolata e disperata, l’amore di Lei è nei suoi occhi densi di pianto, nelle mani che così salde stringono il corpo sanguinante e senza vita del suo Gesù.

Un piccolo putto vivace osserva, in questo mistico silenzio.

E appare così vera e sentita questa devozione verso il Figlio di Dio.

E tocca il cuore lo sguardo della Madonna così trafitto dalla sofferenza: inconsolabile, triste e piangente, le lacrime sgorgano copiose dai suoi occhi e raccontano il dolore autentico e il senso di perdita.
Quegli occhi però narrano anche il dolore del mondo intero.

E resta tuttavia così evidente il legame saldo tra terra e cielo: il piccolo putto è dolce creatura celeste ma è anche presenza a suo modo gioiosa ed io personalmente tendo a leggere nella sua lieve e aggraziata gestualità la bellezza del Regno dei Cieli della quale egli è testimone.

La vita eterna e la salvezza sono dono del sacrificio di Gesù che così rimane tra tra le braccia amorose di Sua Madre.

Nella quiete del Santuario della Madonnetta così la luce cade a svelare l’armonia della Pietà di Anton Maria Maragliano.

 

19 pensieri su “Santuario della Madonnetta: la Pietà di Maragliano

  1. che meraviglia,che pietà su pietà.
    La preghiera poi si traduce negli sguardi dei beati personaggi.Giovanni che prima vi appoggiò il cuore nel petto traffito,ora con enfasi le baccia il piede.Gloria al Padre…..

  2. Miss, più semplice ed essenziale di quella della chiesa di San Filippo Neri, ma non per questo meno in grado di attirare l’attenzione…

  3. E’ così che si fa informazione sulla città e i si diffonde l’interesse per il patrimonio artistico disconosciuto che ci circonda. Questi suoi post su Genova dovrebbero essere utilizzati nelle scuole o per lo meno nell’insegnamento si dovrebbe utilizzare questo metodo per ottenere che i genovesi divengano i veri ambasciatori e protettori della bellezza della loro città . Un saluto

  4. … bellissimo artisicamente questo volto triste di Maria… emblematicamente ci porge il suo dolore di madre proprio nella stagione triste di questo male collettivo…

  5. Questa Madonna è molto sofferente e mostra un volto più umano rispetto ad altre pietà. E tu come sempre riesci a essere esauriente e interessante. Un bacione cara ti auguro una buona giornata

  6. Quegli occhi…..sembra davvero ci sia un velo di lacrime.
    Sono d’accordo che il blog dovrebbe essere usato come materiale didattico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.