Ricordando Fabrizio De André

Camminando per le strade di Genova è facile ricordare Fabrizio, lui resta ancora qui, in queste vie che amava.
Fabrizio De André se ne andò durante il freddo inverno, era il giorno 11 Gennaio 1999.
E ripensando a lui, ancora adesso, capita spesso di chiedersi cosa avrebbe scritto, detto e pensato dei nostri tempi e di questi anni che non ha vissuto.
Come avrebbe cantato i nostri momenti bui, i mutamenti e le difficoltà di questo nuovo secolo così complicato?
Quali sue rime e note avrebbero descritto certe inquietudini o certi nostri istanti?
Mi coglie questo pensiero, a volte, so che non capita soltanto a me.
Non sapremo mai trovare le risposte e tuttavia, solo il fatto di porsi tali domande dimostra, a mio parere, quanto egli sia ancora presente nei nostri pensieri e a suo modo anche nelle nostre vite.
Ci sono persone che non vanno mai via: restano in un accordo, in una melodia che sentiamo nostra, nelle parole delle canzoni e in quella voce inconfondibile.
Ricordare Fabrizio, così, è un’affettuosa consuetudine che riserviamo a lui che è così presente e reale, nei nostri cuori e nella nostra memoria, per le vie della sua città e nei quartieri dove il sole del buon Dio non dà i suoi raggi.
Ciao Fabrizio, sei sempre qui con noi.

Via della Maddalena

18 pensieri su “Ricordando Fabrizio De André

  1. 24 anni senza … Tempus Fugit … Lo ammiravo per la bravura artistica, l’ho ammirato ancor più per come ha affrontato la brutta storia del sequestro in Sardegna. Credo sia stato uno di quelli che hanno fatto capire meglio la Sardegna e la sua gente, Come Gigi Rivvva re del pallone. Un ligure e un lombardo. Due caratteri tosti, chiusi. Due non sardi più sardi di altri sardi … ciao Faber ciao Miss ❤️

  2. Le persone scomparse (a mio parere però) sono più vive di prima,ne ho esperienza. Quando ero più giovane conoscevo DE ANDRE’ attraverso le TV,ha lasciato un vuoto ma non vuoto del tutto perchè vive con noi.
    Amava la sua Liguria,e poi tutti lo sapiamo.Diciamo che siamo cresciuti con lui.
    Grazie Dear Miss di questo ricordo speciale.

  3. Sì, questo è davvero un “ricordo speciale”, proprio nel giorno in cui è scomparso. Ma è scomparso solo ai nostri occhi. Al cuore è presente. Incredibile come ancora sia vivo, anche per me.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.